Tasso di intesse, eventi alla scoperta degli inventori della posta

Conferenze, laboratori, concerti, degustazioni e visite guidate per scoprire una famiglia con un alto “Tasso d’Interesse”. Dal 22 ottobre parte nell’affascinante cornice della Villa dei Tasso la Celadina un ciclo di incontri dedicato al casato che nel Rinascimento inventò il moderno sistema di posta: una stirpe di filosofi, uomini d’arme e religiosi che partì da Cornello, in Valle Brembana, per poi affermarsi in Italia e in Europa. 

Organizzato dall’associazione culturale Nel nome dei Tasso, prevede un ricco programma su quattro fine settimana.

 

Locandina evento

Programma completo Tasso d’interesse

 


Francesco Maria Tasso, il Vasari Bergamasco

Si inizia sabato 22 ottobre scoprendo una delle principali figure di questa famiglia bergamasca: Francesco Maria Tassi, conosciuto per la sua opera “Vite dei pittori, scultori e architetti bergamaschi” del 1793 e per questa ragione soprannominato anche il “Vasari Bergamasco”: lo storico dell’arte Lorenzo Mascheretti delineerà i tratti di questo personaggio nel corso di una conferenza che si terrà a partire dalle 17.

Il pomeriggio inizierà già alle 16, con la visita guidata della Villa dei Tasso – La Celadina con l’architetto Arianna Rigamonti che presenterà le sale affrescate con soffitti a cassettoni, l’imponente scalone ispirato allo stile di Pietro Isabello, la torretta colombaia e l’oratorio della villa che che ospitò Torquato Tasso, Tiepolo e Zuccarelli.

Domenica 23 ottobre sarà interamente dedicata alle visite guidate dedicate alle famiglie: l’appuntamento è alle 10, poi alle 15 e alle 17. 

 


Corni postali, strumenti musicali e di comunicazione

Sabato 29 ottobre sarà una giornata concentrata sui cornetti postali che i corrieri utilizzavano lungo il percorso a staffetta per segnalare il loro arrivo, così da ottenere il può velocemente possibile il cambio da cavalieri e cavallo pronti per una nuova corsa.

Alle 16, Gabriella Bergamaschi condurrà i partecipanti attraverso un tour della villa con una visita tematica dal titolo Concerti simbolici negli affreschi cinquecenteschi” con la partecipazione dell’etnomusicologo Giovanni Mocchi dell’associazione Festival del Pastoralismo.

Alle 17 seguiranno la conferenza “La telecomunicazione sonora. Dalla cornetta postale dei Tasso al corno alpino” sempre a cura di Giovanni Mocchi, l’esibizione di corni alpini di Andrea Passoni e Stefano Pedratti “Armonie d’alphorn. Musiche di tradizione”, per poi concludere con una degustazione di formaggi caprini.

 


Dal Tasso alle cornucopie, gli stemmi dei Tasso

Gli stemmi tassiani saranno al centro della giornata di sabato 5 novembre: alle ore 16 si visiterà la Villa dei Tasso-La Celadina insieme all’architetto Arianna Rigamonti, mentre alle 17 lo storico Gabriele Medolago presenterà i primi risultati della sua ricerca nella conferenza dal titolo: “Tasso, aquila, cornetto e cornucopie”. 

Domenica 6 novembre un’altra giornata in cui sarà possibile scoprire la Villa, con i tour dell’architetto Arianna Rigamonti (alle 10, alle 15 e alle 17).

 


Un laboratorio per imparare a costruire corni

Ultimo appuntamento di questi ciclo di incontri sarà sabato 12 novembre: dopo una visita della Villa con Gabriella Bergamaschi, si passerà al “Laboratorio di autocostruzione di corni da caccia e  da posta del XII- XV secolo” a cura dell’etnomusicologo Giovanni Mocchi.
Si concluderà, poi, con una degustazione di formaggi caprini.

 


Informazioni e prenotazioni

Le iniziative, organizzate in collaborazione con il Festival del Pastoralismo e l’Associazione Arca di Gorle, sono a ingresso libero e si terranno nella Villa dei Tasso—La Celadina Piazza Alpi Orobiche 4, Bergamo. È richiesta la prenotazione fino a esaurimento posti scrivendo all’indirizzo nelnomedeitasso@libero.it oppure telefonando al 329 6435236 oppure al 339 3878611. 

icon-car.pngKML-LogoFullscreen-LogoQR-code-logoGeoJSON-LogoGeoRSS-Logo
Mappa

Caricamento delle mappe in corso - restare in attesa...

Mappa 45.694355, 9.711893